ITALIA: L’Italia leader delle esportazioni di vino verso gli USA nel 2010

Secondo una recente ricerca dell’Italian Wine&Food Institute, l’Italia nel corso dei primi cinque mesi del 2010 ha mantenuto il ruolo di leader delle esportazioni di vino imbottigliato in volume verso gli USA (850.160 hl), seguita dall’Australia (583.580 hl) e dal Cile (238.330 hl). Gli USA tra gennaio e maggio 2010 hanno importato un totale di 3,3 milioni di hl di vino (tra imbottigliato e sfuso) per un valore di 1,3 miliardi di euro, che equivale ad una diminuzione del -2,4% in quantità e ad un aumento del +6,5% in valore rispetto allo stesso periodo del 2009. L’Italia, nel corso dei primi cinque mesi del 2010, ha esportato vino in bottiglia verso gli USA per un valore medio di $ 4,92 per litro (prezzo invariato rispetto al 2009), mentre l’Australia ha esportato vino imbottigliato ad un prezzo medio di $ 3,57 per litro (rispetto alla media di $ 3,51 nel 2009), la Francia a $ 8,05 per litro (rispetto a $9,39 per litro nel 2009), il Cile a $ 3,30 per litro (rispetto al $ 3,35 del 2009) mentre l’Argentina ha esportato ad un prezzo medio di $ 3,88 per litro (rispetto a $3,89 nel 2009).

La ricerca ha quindi evidenziato come l’Italia abbia aumentato il proprio volume export verso gli USA di vino imbottigliato del +12,5% nel periodo Gennaio-Maggio 2010, mentre l’export totale di vino verso lo stesso paese, incluso il vino sfuso, è aumentato del +9,3% rispetto al 2009 per un totale di 422,7 milioni di dollari. Se si considera invece l’export complessivo di vino (sia imbottigliato che sfuso), è allora l’Australia nei primi cinque mesi del 2010 il paese leader anche se ha ugualmente registrato una significativa diminuzione di volume e una leggera diminuzione in valore rispetto ai dati del 2009. L’IWFI ha rilevato che nei primi cinque mesi del 2010 anche altri paesi produttori hanno visto diminuire il proprio export di vino verso gli USA: il Cile è diminuito del -7,3% in volume e del -3,9% in valore, l’Argentina ha diminuito la propria presenza sul mercato americano del -2,9% in volume ma con un aumento del +18,3% in valore, la Francia ha diminuito del -3,3% in volume e del -10% in valore.

Ci sono invece una serie di paesi che si stanno avvantaggiando nel colmare il vuoto lasciato da queste diminuzioni sul mercato, e in particolare Spagna, Nuova Zelanda e Germania stanno aumentando significativamente le proprie esportazioni sul mercato americano con particolari crescite in valore: la Spagna è cresciuta del +26,5% in volume e del +25,6% in valore rispetto allo stesso periodo del 2009, ugualmente, gli USA hanno importato dalla Nuova Zelanda il +35,3% del vino rispetto allo scorso anno per un aumento del +26,2% in valore mentre la Germania ha aumentato la propria presenza del +8,5% in volume e del +22,6% in valore.

  

Questa voce è stata pubblicata in Italia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...